Peda Solar Pumps

Tips, Advice, Ideas

Antinfiammatorio Per Cane Che Zoppica?

L’artrosi del cane: una malattia dolorosa che limita il movimento Riportiamo di seguito l’estratto di un interessante articolo sull’artrosi del cane del Professor Carlo Maria Mortellaro (*) pubblicato lo scorso 2 luglio su “Il Giornale”, Una malattia vecchia come il mondo. L’artrosi sembra esistere da sempre. C’era all’epoca dei dinosauri, ma ancora oggi rappresenta il principale “reumatismo” di uomini e donne, adulti e anziani.La situazione non è migliore per i nostri cani in cui l’artrosi, stando ai numeri emersi da specifiche indagini italiane, rappresenta il 53% delle malattie che interessano le loro articolazioni.

  1. A differenza dell’uomo, i cani possono però soffrire di artrosi fin dai primi anni di vita, se non già dai primi mesi.
  2. Questo perché il solo fatto di appartenere a determinate razze, e di avere pertanto una certa conformazione fisica e particolari modalità di sviluppo, li predispone geneticamente ad alcune malattie articolari.

Per citare solo le più diffuse, parliamo delle tanto temute displasie dell’anca e del gomito: malformazioni che, compromettendo il corretto funzionamento delle articolazioni, provocano fenomeni degenerativi ed infiammatori tipici dell’artrosi. Oltre a queste malattie tipiche dell’età dello sviluppo, esistono numerosi altri fattori che possono mettere a dura prova le articolazioni degli adulti e anziani: traumi; eccessi alimentari o di attività fisica, da cui dipendono sovraccarichi, sforzi anomali e stress esagerati che usurano, anche precocemente, i tessuti articolari, cartilagine in primis.

  1. Anche la maggior longevità dei nostri cani contribuisce ad aumentare la percentuale degli animali artrosici.
  2. Il dolore articolare.
  3. Un disagio cronico che trasforma i movimenti della vita quotidiana del nostro 4 zampe in una sofferenza continua.
  4. Il dolore artrosico è soprattutto la conseguenza dell’infiammazione che accompagna la degenerazione della cartilagine articolare (condrodegenerazione).

Ma quando la malattia dura da tempo, il dolore spesso origina direttamente dagli stessi nervi che, da semplici mezzi di trasporto di un segnale di pericolo (“l’articolazione fa male, dunque non la uso”), diventano essi stessi sede della malattia e origine del dolore: si parla in questi casi di “dolore neuropatico”.

  1. In queste situazioni croniche, nulla possono i tradizionali antinfiammatori (i cosiddetti FANS).
  2. Per il trattamento dell’artrosi, le linee guida delle Società Scientifiche Internazionali raccomandano l’uso combinato della chirurgia, dei farmaci e delle misure mediche non farmacologiche (es.
  3. Controllo del peso e dell’attività fisica, riabilitazione fisioterapica), con l’obiettivo di contrastare simultaneamente le cause, i meccanismi e i sintomi (dolore) dell’artrosi.

Oggi esiste tutta una serie di cosiddetti antinfiammatori non steroidei (FANS) che, a causa dei noti effetti collaterali, debbono però essere utilizzati per aggredire solo le fasi più acute della malattia e, soprattutto, per il più breve tempo possibile e al dosaggio minimo efficace.

  • Fortunatamente, accanto a queste molecole farmacologiche, vengono da tempo utilizzate sostanze naturali con interessanti effetti anti-artrosici, dotate, al contrario dei FANS, di un ampio profilo di sicurezza che ne consente un lungo utilizzo nel tempo,
  • Stiamo parlando dei cosiddetti condroprotettori, come il Condroitin solfato e la Glucosamina che, somministrati per lunghi periodi, si sono dimostrati efficaci nella protezione della cartilagine artrosica in degenerazione.

Un nuovo rimedio naturale. I classici condroprotettori non sono però efficaci nel breve periodo nel controllo del complesso dolore da artrosi. Per tale motivo sono state studiate nuove sostanze naturali, capaci di agire in maniera fisiologica sui meccanismi dell’infiammazione e del dolore cronico.

  1. Stiamo parlando delle Aliamidi, sostanze lipidiche della classe degli endocannabinoidi, prodotte naturalmente dall’organismo in condizioni di danno e dotate di effetti antinfiammatori ed antalgici scientificamente dimostrati.
  2. Nello specifico settore dell’artrosi, si è visto che la PEA ( palmitoiletanolamide)), principale molecola della classe delle aliamidi, aumenta di 30 volte nelle articolazioni malate, nel tentativo di ristabilire un salutare equilibrio.

Numerosi studi scientifici, effettuati sia nell’uomo che negli animali, hanno inoltre dimostrato che la somministrazione orale di questa sostanza è in grado di controllare il dolore sia di tipo infiammatorio che neuropatico. Nello specifico settore Veterinario, è stata scoperta ed applicata da alcuni anni anche un’altra sostanza della famiglia delle Aliamidi, capace di combinare gli effetti antinfiammatori ed antidolorifici della PEA con quelli condroprotettivi della Glucosamina.

  • Si chiama Glupamid (Palmitoilglucosamina) ed è normalmente prodotta dai microrganismi che albergano nelle leguminose (es. soia).
  • Somministrato per via orale ai nostri amici a 4 zampe, Glupamid si è dimostrato in grado di esercitare un effetto antidolorifico molto superiore a quello della normale glucosamina.

Pertanto, il veterinario, per combattere questa invalidante malattia dei nostri amici animali, oggi può utilizzare sostanze biologiche che agiscono secondo Natura, in grado di aumentare il livello di movimento dei cani artrosici (e anche dei gatti), migliorando notevolmente la loro qualità di vita. Professore Ordinario di Patologia Chirurgica Veterinaria – DIVET (Dipartimento di Scienze Veterinarie e Sanità Pubblica), Clinica Chirurgica Veterinaria, Università degli Studi di Milano della Valle MF, Mortellaro CM, Miolo A, Costa B. Aliamides for pain management of osteoarthritis.3rd Vepra Conference May 31st-June1st, 2013, Rimini Del Bue M, Giovannella A, Mortellaro CM, Peirone B, Petazzoni M, Rovesti GL, Bennett D.

Che antinfiammatorio si può dare a un cane?

Previcox, antidolorifico per cani – Un altro antidolorifico per cani tra i più noti è il Previcox che viene più spesso impiegato per il trattamento del dolore e anche degli stati infiammatori associati ad osteoartrite, alla chirurgia dei tessuti molli e alla chirurgia ortopedica e dentale nel cane. In alcuni casi possiamo vederlo prescritto anche per i cavalli, per la riduzione della zoppia.

Cosa fare se il cane zoppica ma non si lamenta?

Perché il cane zoppica senza motivo? – La zoppia improvvisa è associata a shock, cadute, ossa rotte, legamenti lacerati, problemi all’anca, ecc. La zoppia a lungo termine è associata ad artrosi, malattie degenerative delle ginocchia, dell’anca, della spalla e del gomito o anche a tumori.

Qual è il miglior antidolorifico e antinfiammatorio?

In poche parole, al banco consigliamo nell’ordine: ibuprofene (moment, subitene), naprossene (momendol, uninapro), ketoprofene (okitask, ketodol), diclofenac (voltadvance).

Che antidolorifico per cani?

L’artrosi del cane: una malattia dolorosa che limita il movimento Riportiamo di seguito l’estratto di un interessante articolo sull’artrosi del cane del Professor Carlo Maria Mortellaro (*) pubblicato lo scorso 2 luglio su “Il Giornale”, Una malattia vecchia come il mondo. L’artrosi sembra esistere da sempre. C’era all’epoca dei dinosauri, ma ancora oggi rappresenta il principale “reumatismo” di uomini e donne, adulti e anziani.La situazione non è migliore per i nostri cani in cui l’artrosi, stando ai numeri emersi da specifiche indagini italiane, rappresenta il 53% delle malattie che interessano le loro articolazioni.

  • A differenza dell’uomo, i cani possono però soffrire di artrosi fin dai primi anni di vita, se non già dai primi mesi.
  • Questo perché il solo fatto di appartenere a determinate razze, e di avere pertanto una certa conformazione fisica e particolari modalità di sviluppo, li predispone geneticamente ad alcune malattie articolari.

Per citare solo le più diffuse, parliamo delle tanto temute displasie dell’anca e del gomito: malformazioni che, compromettendo il corretto funzionamento delle articolazioni, provocano fenomeni degenerativi ed infiammatori tipici dell’artrosi. Oltre a queste malattie tipiche dell’età dello sviluppo, esistono numerosi altri fattori che possono mettere a dura prova le articolazioni degli adulti e anziani: traumi; eccessi alimentari o di attività fisica, da cui dipendono sovraccarichi, sforzi anomali e stress esagerati che usurano, anche precocemente, i tessuti articolari, cartilagine in primis.

  1. Anche la maggior longevità dei nostri cani contribuisce ad aumentare la percentuale degli animali artrosici.
  2. Il dolore articolare.
  3. Un disagio cronico che trasforma i movimenti della vita quotidiana del nostro 4 zampe in una sofferenza continua.
  4. Il dolore artrosico è soprattutto la conseguenza dell’infiammazione che accompagna la degenerazione della cartilagine articolare (condrodegenerazione).

Ma quando la malattia dura da tempo, il dolore spesso origina direttamente dagli stessi nervi che, da semplici mezzi di trasporto di un segnale di pericolo (“l’articolazione fa male, dunque non la uso”), diventano essi stessi sede della malattia e origine del dolore: si parla in questi casi di “dolore neuropatico”.

  1. In queste situazioni croniche, nulla possono i tradizionali antinfiammatori (i cosiddetti FANS).
  2. Per il trattamento dell’artrosi, le linee guida delle Società Scientifiche Internazionali raccomandano l’uso combinato della chirurgia, dei farmaci e delle misure mediche non farmacologiche (es.
  3. Controllo del peso e dell’attività fisica, riabilitazione fisioterapica), con l’obiettivo di contrastare simultaneamente le cause, i meccanismi e i sintomi (dolore) dell’artrosi.

Oggi esiste tutta una serie di cosiddetti antinfiammatori non steroidei (FANS) che, a causa dei noti effetti collaterali, debbono però essere utilizzati per aggredire solo le fasi più acute della malattia e, soprattutto, per il più breve tempo possibile e al dosaggio minimo efficace.

  1. Fortunatamente, accanto a queste molecole farmacologiche, vengono da tempo utilizzate sostanze naturali con interessanti effetti anti-artrosici, dotate, al contrario dei FANS, di un ampio profilo di sicurezza che ne consente un lungo utilizzo nel tempo,
  2. Stiamo parlando dei cosiddetti condroprotettori, come il Condroitin solfato e la Glucosamina che, somministrati per lunghi periodi, si sono dimostrati efficaci nella protezione della cartilagine artrosica in degenerazione.
See also:  Dente Del Giudizio Che Tocca Il Nervo Sintomi?

Un nuovo rimedio naturale. I classici condroprotettori non sono però efficaci nel breve periodo nel controllo del complesso dolore da artrosi. Per tale motivo sono state studiate nuove sostanze naturali, capaci di agire in maniera fisiologica sui meccanismi dell’infiammazione e del dolore cronico.

  • Stiamo parlando delle Aliamidi, sostanze lipidiche della classe degli endocannabinoidi, prodotte naturalmente dall’organismo in condizioni di danno e dotate di effetti antinfiammatori ed antalgici scientificamente dimostrati.
  • Nello specifico settore dell’artrosi, si è visto che la PEA ( palmitoiletanolamide)), principale molecola della classe delle aliamidi, aumenta di 30 volte nelle articolazioni malate, nel tentativo di ristabilire un salutare equilibrio.

Numerosi studi scientifici, effettuati sia nell’uomo che negli animali, hanno inoltre dimostrato che la somministrazione orale di questa sostanza è in grado di controllare il dolore sia di tipo infiammatorio che neuropatico. Nello specifico settore Veterinario, è stata scoperta ed applicata da alcuni anni anche un’altra sostanza della famiglia delle Aliamidi, capace di combinare gli effetti antinfiammatori ed antidolorifici della PEA con quelli condroprotettivi della Glucosamina.

Si chiama Glupamid (Palmitoilglucosamina) ed è normalmente prodotta dai microrganismi che albergano nelle leguminose (es. soia). Somministrato per via orale ai nostri amici a 4 zampe, Glupamid si è dimostrato in grado di esercitare un effetto antidolorifico molto superiore a quello della normale glucosamina.

Pertanto, il veterinario, per combattere questa invalidante malattia dei nostri amici animali, oggi può utilizzare sostanze biologiche che agiscono secondo Natura, in grado di aumentare il livello di movimento dei cani artrosici (e anche dei gatti), migliorando notevolmente la loro qualità di vita. Professore Ordinario di Patologia Chirurgica Veterinaria – DIVET (Dipartimento di Scienze Veterinarie e Sanità Pubblica), Clinica Chirurgica Veterinaria, Università degli Studi di Milano della Valle MF, Mortellaro CM, Miolo A, Costa B. Aliamides for pain management of osteoarthritis.3rd Vepra Conference May 31st-June1st, 2013, Rimini Del Bue M, Giovannella A, Mortellaro CM, Peirone B, Petazzoni M, Rovesti GL, Bennett D.

Come alleviare il dolore alla zampa del cane?

Quando e come usare la terapia del freddo per il tuo animale ? – La crioterapia viene utilizzata al meglio nelle ore immediatamente successive a un infortunio o a un intervento chirurgico, chiamata fase acuta. E’ possibile utilizzare la terapia del freddo tramite impacchi o immersione in acque fresche anche dopo l’attività fisica o sportiva per diminuire il dolore e l’infiammazione causate dallo sforzo intenso.

Cosa fare se il cane non appoggia la zampa?

QUALI SONO LE CAUSE PIÙ FREQUENTI DELLA ZOPPIA NEI CANI? – La zoppia può apparire improvvisamente (acuta) o essere presente per settimane o addirittura per mesi (cronica) a seconda della causa:

La zoppia improvvisa è associata a shock, cadute, ossa rotte, legamenti lacerati, problemi all’anca, ecc. La zoppia a lungo termine è associata ad artrosi, malattie degenerative delle ginocchia, dell’anca, della spalla e del gomito o anche a tumori.

Alcune delle cause più comuni di zoppia sono:

Su entrambe le zampe anteriori e posteriori:

Oggetti incastrati nel cuscinetto o altre lesioni che lo compromettonoUnghie rotteUnghie che sono cresciute troppo e che stanno scavando nella pelle o nel cuscinettoFratture ossee dovute a cadute, colpi o investimentoProblemi muscolariProblemi associati ai tendini Artrosi o malattia degenerativa delle articolazioniPanosteiteInfiammazione o infezione di diverse articolazioni (poliartrite)Tumori

Sulle zampe anteriori

Displasia del gomitoOsteocondrosi della spalla o del gomito

Sulle zampe posteriori:

Displasia dell’ancaRottura del legamento crociato del ginocchioOsteocondrosi del ginocchio

Cosa fare se il cane si sloga una zampa?

Se ci sono dei tagli, sciacqua la zona con acqua fredda e disinfetta la ferita. Assicurati che la zampina non si gonfi ancor di più, nel caso poggia un po’ di ghiaccio sulla zona interessata. Fascia l’arto con delle bende o delle garze e fissa le estremità con un nodo.

Cosa succede se do l’Oki al cane?

Ibuprofene (Oki, Moment, Brufen) – Noi umani lo usiamo per attenuare il dolore, soprattutto il mal di testa, il mal di denti, i dolori mestruali, quelli articolari e i crampi addominali. Di solito, persino noi umani dobbiamo assumerlo solo a stomaco pieno per evitare di danneggiare il tratto digerente.

Per gli animali può essere letale. La raccomandazione nasce dal fatto che uno dei principali effetti collaterali dell’ibuprofene è quello di inibire un enzima che serve a proteggere non solo lo stomaco, ma tutta la mucosa gastrointestinale. È chiaro, quindi, che i primi danni all’organismo dell’animale saranno riscontrabili all’apparato digerente.

L’ibuprofene, infatti, agirà, stimolando il vomito e la diarrea e provocando ulcere, disfunzioni nella regolazione dell’afflusso di sangue ai reni che comportano gravi danni renali e danni piastrinici, incrementano la possibilità che il tuo animale sanguini in modo anormale, causando emorragie.

Quando il cane zoppica con la zampa posteriore?

Se noti che il tuo cane zoppica, o che fatica a salire le scale e saltare sul divano, o che tiene sollevata una zampa posteriore in maniera intermittente, rivolgiti al veterinario per una valutazione ortopedica. Ne va della qualità di vita del pet.

Come capire se il cane si è fatto male alla zampa?

Il mio cane zoppica all’improvviso – Se il nostro cane inizia improvvisamente a zoppicare, dobbiamo fermarci e pensare se gli è successo qualcosa che ha causato la zoppia, come una caduta, o se ha dormito o riposato per molto tempo. Se non riusciamo a identificare l’origine della zoppia, è meglio controllare le condizioni della zampa del cane, Questo articolo è puramente informativo, da AnimalPedia non abbiamo la facoltà di prescrivere trattamenti veterinari né realizzare alcun tipo di diagnosi. Ti invitiamo a portare il tuo animale domestico dal veterinario nel caso in cui presenti qualsiasi tipo di malessere o fastidio.

Canapp SO.2007. The canine stifle. Clin Tech Small Anim Pract 22, 195-205.Silva, RF, Carmona, JU, & Rezende, CMF. (2013). Características radiográficas, artroscópicas y biomecánicas de perros con ruptura del ligamento cruzado anterior. Archivos de medicina veterinaria, 45(1), 53-58. https://dx.doi.org/10.4067/S0301-732X2013000100009Anna Burke. (21.05.2019). Why Is My Dog Limping?.2019, de American Kennel Club Sitio web: https://www.akc.org/expert-advice/health/why-is-my-dog-limping/Ángel Durán Segovia. COJERAS (1): POR CAUSAS ORTOPÉDICAS Y ENFERMEDADES DE DESARROLLO.2019, de Instituto Veterinario de Ortopedia y Traumatología Sitio web: http://www.traumatologiaveterinaria.com/index.php?web=divulgacion/009_02.php

Cosa prendere al posto di antinfiammatorio?

Alternative – Poiché i FANS possono causare effetti collaterali importanti, si raccomanda spesso l’uso di alternative. L’alternativa principale per il dolore è il paracetamolo, disponibile come farmaco da banco e sicuro per la maggior parte delle persone.

  • Creme e gel di FANS da spalmare sulla pelle possono essere validi in caso di dolore muscolare o articolare in una parte definita del corpo, perché hanno meno effetti collaterali di compresse e capsule (anche se le evidenze scientifiche relative alla loro efficacia sono limitate).
  • Il medico può anche raccomandare medicine e terapie differenti secondo la condizione da trattare.

Per esempio, la fisioterapia può aiutare alcuni soggetti con dolore muscolare o articolare.

A cosa serve il metacam?

Metacam è un medicinale antinfiammatorio utilizzato in bovini, suini, equini, cani, gatti e cavie. Nei bovini Metacam è usato, insieme ad antibiotici, per ridurre segni clinici quali febbre e infiammazione nell’infezione respiratoria (infezione dei polmoni e delle vie aeree) acuta (a breve termine).

Come somministrare Arnica al cane?

HEEL Arnica Compositum Uso VETERINARIO 5 Fiale è un medicinale omeopatico veterinario indicato in tutte le patologie infiammatorie, nei dolori da infiammazione nelle patologie infiammatorie di origine muscolo-tendo-scheletriche, nelle lesioni, nelle ferite, gengiviti.

La sua azione si esplica modulando il processo infiammatorio, permettendone l’evoluzione fino alla sua naturale fine e mantenendo il sistema all’interno dei parametri fisiologici: ovvero non blocca tale processo, utile meccanismo di difesa verso l’agente stressante e indispensabile per una guarigione ottimale.

Al contrario dei classici antinfiammatori Arnica Compositum regola l’infiammazione lasciando che questa completi il suo corso fino alla sua naturale fine (la guarigione) impedendo tuttavia le complicanze alle quali un’infiammazione protratta potrebbe portare.

See also:  Sensazione Di Catarro In Gola Che Non Si Stacca?

HEEL Arnica Compositum Uso VETERINARIO 5 Fiale è un medicinale omeopatico veterinario caratterizzato da molteplici azioni: antiedemigena, modulante dell’infiammazione, antisuppurativa, analgesica e rigenerante. Indicata in caso di patologie infiammatorie muscolari, scheletriche, cutanee, quindi può essere utilizzata in caso di lesioni e ferite cutanee, gengiviti, otiti, dolori infiammatori, nevralgie, contusioni, distorsioni, lussazioni, strappi muscolari, stiramenti di tendini e legamenti, ematomi, ecchimosi, fratture ossee, edemi post traumatici e post operatori, borsiti, tendiniti, versamenti articolari, epicondiliti, lombalgie, lombosciatalgie, punture di insetti, ustioni lievi.

Nota: la medicina omotossicologica prevede che tutti i farmaci basino la loro azione su tre leggi: Sinergia, Complementarietà, Completezza di azione. I principi attivi sono sinergici tra loro. I preparati Heel, medicinali antiomotossici costituiti seguendoi i principi della omeopatia di Hahnemann e le conoscenze omotossicologiche del Dr.Reckeweg, sono per lo più associazioni omeopatiche (dette Antihomotoxika) e possono contenere principi attivi sia di origine vegetale che minerale.

  1. La medicina antiomotossica é una speciale forma di omeopatia che si basa sulla disintossicazione dell’organismo provocando una reazione del corpo stesso agli elementi dannosi (Homotoxine) introdotti dall`ambiente esterno.
  2. Modalità d’uso HEEL Arnica Compositum Uso VETERINARIO 5 Fiale: somministrazione sottocutanea, intramuscolare o endovenosa; Se necessario, a seconda della gravità del caso, il dosaggio indicato può essere ripetuto una volta al giorno per un massimo di 5 giorni consecutivi.

Per il trattamento a lungo termine delle affezioni croniche o quelle con tendenze a ripetersi, il dosaggio singolo indicato può essere somministrato a intervalli di 4 giorni. Cavallo: 5 ml.; Cane grossa taglia: 3 – 4 ml.; cane media taglia: 2 ml.; Cani piccola taglia, gatti: 1 – 2 ml.; Piccoli animali domestici: 0,5 ml.

  1. L’utilizzo di farmaci omeopatici può aggravare i disturbi in maniera transitoria (aggravamento iniziale).
  2. Se tale aggravamento dovesse persistere, è necessario interrompere l’assunzione (o applicazione) del prodotto e informarne il proprio medico veterinario o farmacista.
  3. Composizione per 1 fiala da 5 ml.

: Achillea millefolium D3 5,00 mg; Matricaria recutita D3 5,00 mg; Symphytum officinale D6 5,00 mg; Aconitum napellus D2 3,00 mg; Atropa bella-donna D2 5,00 mg; Bellis perennis D2 2,50 mg; Calendula officinalis D2 5,00 mg; Echinacea D2 1,25 mg; Echinacea purpurea D2 1,25 mg; Hypericum perforatum D2 1,50 mg; Hepar sulfuris D6 5,00 mg; Mercurius solubilis Hahnemanni D6 2,50 mg; Hamamelis virginiana D1 0,50 mg; Arnica montana D2 5,00 mg.

  • Altre componenti: acqua per preparazioni iniettabili, cloruro di sodio.
  • Confezione HEEL Arnica Compositum Uso VETERINARIO 5 Fiale: scatola con 5 fiale sterili da 5 ml. ciascuna.
  • Foglietto illustrativo AIFA Nota bene Questa scheda riporta informazioni che non intendono sostituire una diagnosi o consigli del veterinario, poichè solo il veterinario può stilare qualsiasi prescrizione e dare indicazione terapeutica.

Quanto riportato costituisce solamente una guida informativa: infatti gli integratori alimentari, le piante, gli estratti vegetali e i prodotti erboristici non possono essere considerati come sostitutivi in nessun caso di una dieta bilanciata ed equilibrata ed uno stile di vita sano e controllato.

In caso di patologie, disturbi o allergie è sempre bene consultare prima il proprio veterinario. Si informa che, considerata la vastità del catalogo, e il continuo aggiornamento da parte delle aziende produttrici degli articoli commercializzati, le immagini dei prodotti sono puramente indicative, potrebbero quindi non essere totalmente rappresentative del packaging differendo per dimensioni, colori o contenuto.

L’elenco degli ingredienti, la denominazione dei prodotti e la posologia sono puramente indicativi e potrebbero subire aggiornamenti o variazioni da parte del produttore. Lo staff di ViaFarmaciaOnline si impegna, nel caso di cambiamenti evidenti nel formato, contenuto o formulazione di un prodotto, a dare comunicazione tempestiva al cliente prima che venga effettuata la spedizione, lasciando a quest’ultimo la scelta circa l’eventuale annullamento dell’ordine. 1) Carta di credi to – CartaSi-Nexi Pagamento sicuro attraverso piattaforma bancaria protetta CartaSi-Nexi. Accettate tutte le carte anche prepagate purchè registrate sul sito CartaSì. L’accredito del pagamento risulta immediato.N.B.: Per effettuare il pagamento con carta di credito tramite la piattaforma CartaSi-Nexi risulta necessario avere precedentemente registrato la propria carta di credito sul sito di CartaSi.

Questo perchè, per ragioni di sicurezza, il pagamento viene autorizzato solo in seguito all’inserimento del codice di verifica che viene inviato da CartaSi tramite sms sul numero di cellulare fornito al momento della registrazione sul sito di CartaSi.2) Carta di credito – PayPal Pagamento sicuro attraverso piattaforma protetta PayPal.

Accettate tutte le carte anche prepagate. L’accredito del pagamento risulta immediato.N.B.: Si può pagare con carta di credito attraverso il circuito Paypal anche senza avere un conto Paypal (accesso come ospite).3) PayPal Avendo un conto PayPal si può effettuare il pagamento dell’ordine accedendo direttamente al proprio account.

L’accredito del pagamento risulta immediato.4) Ricarica PostePay Chiunque può effettuare pagamenti attraverso il sistema PostePay, anche chi non è titolare della carta Postepay. I titolari della carta PostePay possono effettuare il pagamento attraverso internet dal sito www.poste.it, mentre coloro i quali non dispongono della carta Postepay dovranno recarsi presso un qualsiasi Ufficio Postale oppure tabaccheria con Lottomatica ed effettuare un versamento sulla nostra carta Postepay pari all’importo complessivo dell’ordine.

L’accredito del pagamento risulta immediato. Per consentirci di discriminare un pagamento da un altro, occorre che l’acquirente invii una e-mail a: [email protected] indicando: • il numero dell’ordine; • l’importo versato; • la data e l’ora del versamento.

Il nostro numero di carta postepay è 5333 1710 6751 3511 intestata a Eleonora Viale,N.B.: Se si vuole pagare con la propria carta PostePay, utilizzandola come carta di credito, accedere al circuito Paypal (punto 2).5) Bonifico Bancario Scegliendo Bonifico Bancario anticipato, verranno forniti nella conferma d’ordine i dati del nostro conto corrente.

Generalmente il pagamento necessita di 1-3 giorni lavorativi per venire accreditato e poter procedere all’effettiva spedizione della merce. L’invio della merce avverrà esclusivamente dopo il ricevimento dell’accredito. Per anticipare la spedizione della merce inviaci la contabile rilasciata dalla banca via mail a: [email protected] 6) Contrassegno (alla consegna) Scegliendo il contrassegno si pagherà l’importo dovuto, in contanti, direttamente al vettore al momento della consegna del pacco.

Questo metodo di pagamento comporta, a prescindere dell’importo dell’ordine, un supplemento di € 8,00 che verrà sommato alle spese di spedizione.N.B. Nel caso di spedizione in contrassegno, se il pacco viene rifiutato saranno addebitate al cliente le spese di spedizione e tutte le ulteriori spese per la resa al mittente.

Scegliendo la spedizione in contrassegno si accetta espressamente tale condizione. Tutti i prodotti acquistati su ViaFarmaciaOnline.it vengono spediti da Farmacia Zanotti della Dott.ssa Eleonora Viale & C. sas con sede in Corso Saffi n°8 48018-Faenza (RAVENNA). Il corriere, entro breve tempo dal ritiro, invia una mail con il codice spedizione con il quale è possibile seguire on-line il “tragitto” dell’acquisto effettuato fino al luogo di destinazione. Per tenere monitorata la spedizione degli ordini, collegarsi al sito www.brt.it nella sezione RICERCA SPEDIZIONI e inserire il codice allegato alla mail di conferma dell’ordine.

SPESE DI SPEDIZIONE Spese di spedizione per l’Italia : ♦ Acquisti inferiori a € 60,00: Spese di spedizione € 8,00 ♦ Acquisti superiori a € 60,00: Spese di spedizione GRATIS ♦ Acquisti con destinazione Calabria, Sicilia e Sardegna piccolo contributo aggiuntivo € 2,00 ♦ Acquisti con destinazione Isole Minori e Zone Disagiate piccolo contributo aggiuntivo € 3,50 ♦ Acquisti con consegna su appuntamento: contributo aggiuntivo € 6,00 N.B.: La spedizione in contrassegno (pagamento alla consegna) prevede SEMPRE (indipendentemente dall’importo dell’ordine) un supplemento fisso di € 8,00.

PICK & PAY Se si desidera solo evitare la fila e trovare tutti i prodotti disponibili al momento del ritiro, si offre alla gentile clientela la possibilità di ritirare l’ordine direttamente presso la nostre sede, Farmacia Zanotti della Dott.ssa Eleonora Viale & C.

Sas Corso Saffi n°8 48018-Faenza (RA), servizio pick & pay, nei normali orari di apertura: 08:00–13:15 e 15:00–19:00 previa conferma notificata via e-mail. In tal caso non saranno addebitate spese di spedizione per qualsiasi importo acquistato.N.B.: Il pagamento della merce deve avvenire sempre on line: non è possibile pagare in loco in contanti.

IMPORTANTE Precisazioni su spedizioni e consegne: Al fine di evitare disguidi, si prega di indicare un indirizzo (anche luogo di lavoro) dove sia sempre presente qualcuno per il ritiro del pacco e di fornire sempre il nome scritto sul campanello (se diverso dall’intestatario).

  • E’ possibile indicare nelle “note” una fascia oraria preferita, anche se questa non è vincolante.
  • Il corriere consegna da lunedì a venerdì negli orari 09:00-13:00/14:00-18:00 ed effettua la prima consegna senza preavviso.
  • In caso di assenza del destinatario il corriere lascerà una notifica di tentata consegna e ritenterà il giorno sucessivo.
See also:  Farmaci Che Provocano Sudorazione?

Se anche a quest’ultimo non fosse presente il destinatario si apre una giacenza presso il deposito BRT più vicino al destinatario con un: costo aggiuntivo di € 12,00 a carico del destinatario. Qualora anche questo non vada a buon fine, dopo 5 giorni la merce sarà resa a Farmacia Zanotti della Dott.ssa Eleonora Viale & C.

AUSTRIA – BELGIO – DANIMARCA – GERMANIA – LUSSEMBURGO – OLANDA – POLONIA – REPUBBLICA CECA – SLOVACCHIA – SLOVENIA – UNGHERIA: € 18,00
FRANCIA – PRINCIPATO di MONACO – SPAGNA: € 21,00
E STONIA – FINLANDA – GRECIA – IRLANDA – LETTONIA – LITUANIA – PORTOGALLO – REGNO UNITO – SVEZIA: € 23,00
ALBANIA – ARABIA SAUDITA – BOSNIA – BULGARIA – CIPRO – CROAZIA – KOSOVO – ISRAELE – KIRGHIZISTAN – MOLDAVIA – ROMANIA – SERBIA – UZBEKISTAN: € 42,00
ALGERIA – ARMENIA – AZERBAIJAN – GIBILTERRA – MALTA – MAROCCO – NIGERIA – QATAR – TUNISIA: € 45,00
ISLANDA – ISOLE BALEARI – ISOLE CANARIE – LIECHTENSTEIN – NORVEGIA – SVIZZERA: € 46,00
CANADA – EMIRATI ARABI – HONG KONG – KENYA – THAILANDIA – U.S.A. – VENEZUELA: € 48,00
AUSTRALIA – BRASILE – CILE – COLOMBIA – COREA DEL NORD – COREA DEL SUD – GIAPPONE – INDONESIA – MESSICO – NUOVA ZELANDA – PORTO RICO – REP. DOMINICANA – SINGAPORE – SUDAFRICA : € 55,00

I residenti all’estero sono pregati di contattarci via e-mail ( [email protected] ) per conoscere i tempi stimati per la consegna e per eventuali chiarimenti. All’estero non si effettuano spedizioni in contrassegno.

Perché il cane zoppica senza motivo?

La zoppia nei cani è un disturbo veterinario frequente e vi è una vasta gamma di possibili cause, dalle condizioni croniche al trauma. Se il cane zoppica, i motivi possono essere tanti: lesioni, infezioni, infiammazioni, difetti anatomici, cancro e malattie degenerative.

Quanto dura una distorsione nel cane?

Trattamento delle lesioni al Carpo e al Tarso In caso di lievi distorsioni legamento è sufficiente la fasciatura contenitiva con fasciatura o tutore specifico per un periodo variabile da 10 a 20 giorni. A questo si aggiunge una terapia medica a base di antidolorifici e antiedemigeni per una settimana.

Cosa fare se il cane ha preso una botta?

Pronto soccorso traumi del cane: cosa fare nei traumi e nelle contusioni Pronto soccorso traumi del cane: cosa fare nei traumi e nelle contusioni Quando il nostro cane è cucciolo o è molto vivace può capitare che ritorni a casa con dei piccoli e medi traumi. Questi traumi non devono destare subito preoccupazione. Infatti, il più delle volte un’azione immediata ed il successivo trasporto in ospedale sono sufficienti.

  1. I traumi si dividono in ferite e contusioni.
  2. Contusione : essa avviene in seguito ad un colpo diretto sulla parte, provocato da un oggetto duro.
  3. Quello che avremo davanti è una zona con un’ecchimosi, se c’è stato versamento di sangue, o un’ematoma, se c’è un accumulo si sangue nella zona del trauma.
  4. L’ecchimosi non prevede il gonfiore della pelle come invece succede con l’ematoma, per questo sotto il pelo sarà più difficile notarlo.

Di solito, noi possiamo agire per limitare la sofferenza del cane, applicando un impacco freddo sulla parte che ha subito il trauma. Anche le pomate farmaceutiche vanno bene, prima ascoltate sempre il vostro veterinario. Una volta che applicherete la pomata massaggiate la zona, per evitare che si formi l’ematoma.

Ferite : esse sono delle lacerazioni della pelle e dei tessuti circostanti. Queste ferite sono un po’ più gravi delle contusioni, infatti sono esposte a infezioni batteriche. Quando il nostro cane torna a casa con una lacerazione, e quindi un’esposizione dei tessuti circostanti, bisogna procedere subito alla pulizia della ferita e alla successiva disinfezione della parte.

Dopodichè chiamare il proprio veterinario e descrivergli la situazione, sarà lui a dirvi cosa fare successivamente. Ci sono diversi tipi di ferite, ad esempio quelle puntiformi (spine, aghi), sono molto insidiose e andrebbero pulite con molta attenzione, perché potrebbero portare infezione e quindi degenerare.

Più il nostro intervento è repentino più la velocità di cicatrizzazione e guarigione sarà veloce. Per quanto riguarda l’utilizzo di per evitare infezioni o disinfettare la zona chiedete al vostro veterinario. Invece, per eventuali bendaggi assicuratevi che non siano troppo stretti onde evitare fastidio al cane.

: Pronto soccorso traumi del cane: cosa fare nei traumi e nelle contusioni

Cosa succede se do l’Oki al cane?

Ibuprofene (Oki, Moment, Brufen) – Noi umani lo usiamo per attenuare il dolore, soprattutto il mal di testa, il mal di denti, i dolori mestruali, quelli articolari e i crampi addominali. Di solito, persino noi umani dobbiamo assumerlo solo a stomaco pieno per evitare di danneggiare il tratto digerente.

Per gli animali può essere letale. La raccomandazione nasce dal fatto che uno dei principali effetti collaterali dell’ibuprofene è quello di inibire un enzima che serve a proteggere non solo lo stomaco, ma tutta la mucosa gastrointestinale. È chiaro, quindi, che i primi danni all’organismo dell’animale saranno riscontrabili all’apparato digerente.

L’ibuprofene, infatti, agirà, stimolando il vomito e la diarrea e provocando ulcere, disfunzioni nella regolazione dell’afflusso di sangue ai reni che comportano gravi danni renali e danni piastrinici, incrementano la possibilità che il tuo animale sanguini in modo anormale, causando emorragie.

Quanto Oki al cane?

Domanda di: Clea Messina | Ultimo aggiornamento: 17 marzo 2023 Valutazione: 4.1/5 ( 39 voti ) 2 mg/kg, per via sottocutanea, fino a 3 giorni consecutive. Se si preferisce dopo un’iniezione, il trattamento può essere proseguito il giorno successivo con compresse da 1 mg/kg e continuato nei giorni successivi per un massimo di 4 giorni (cioè fino a 5 giorni in totale).

Quali sono gli antibiotici per cani?

Quali sono i migliori farmaci antibatterici per cani? – Esistono molti diversi tipi di antibiotici che vengono utilizzati per trattare le infezioni batteriche nei cani. Possono essere somministrati per via orale o endovenosa. Alcuni degli antibiotici più comuni includono: amoxicillina, cefalexina, doxiciclina, eritromicina e acido clavulanico.

Come capire se il cane ha Dolori articolari?

Dolore articolare nel cane: sintomi – Il cane che prova dolore articolare cronico difficilmente mostra dolore con vocalizi o gemiti, più in generale esso mostra uno stato di non-confort. Ecco perché è così importante per te imparare a osservare con occhio maggiormente critico gli atteggiamenti dei tuoi animali, le variazioni di comportamento e abitudini nel loro quotidiano.

Ed è per lo stesso motivo che il tuo medico avrà necessità di raccogliere più dati possibile sullo stile di vita del cane (attraverso l’anamnesi, la raccolta dei dati) durante la visita ortopedica, sia per comprendere lo stato iniziale della malattia che per valutarne i miglioramenti durante la terapia.

In un contesto di questo genere, si può arrivare a pensare a una medicina narrativa, in cui il proprietario racconta il proprio animale al medico che accoglie la sua narrazione. Non sempre la zoppia è presente o, quanto meno non sempre è molto evidente.

difficoltà ad alzarsi dopo il riposo prolungato o dopo esercizio fisico intenso difficoltà a fare passi di lunghezza normale (fa passi più corti con una zampa o entrambe) difficoltà a fare le scale (sia in discesa che salendo) difficoltà a saltare sul divano o sul letto (coloro che lo facevano normalmente) difficoltà a salire sulla macchina difficoltà a alzarsi sulle zampe posteriori difficoltà a fare le feste gioca meno e con meno entusiasmo si siede spesso durante la passeggiata o il gioco riduzione della massa muscolare (di un arto rispetto all’altro o di entrambi in modo uguale) cambio di carattere (più aggressivo o più pigro, si isola o è letargico, depresso) non dorme tranquillo (fatica a trovare posizione, cerca luoghi caldi e morbidi dove coricarsi) vocalizzi nel coricarsi o alzarsi difficoltà ad assumere posizione per defecare o urinare leccamento o mordicchiamento di una o più articolazioni.

Quest’ultimo sintomo può non manifestarsi davanti a te proprietario, che potresti accorgerti del problema solo notando una parte di pelo più “consumata” o colorata/decolorata. Il cane rosicchiando accorcia il pelo a livello dell’articolazione dolente ma, per stoicità, potrebbe nascondersi nel farlo. Parchetto antistante Clinica Veterinaria Lodi